home  

 SPOSARSI IN ALBANIA (istruzioni per l'uso)

 Tutto quello che devi sapere per sposarti senza sprecare tempo e denaro!

 

 

 Sposarsi puo' essere di per se' complicato. Farlo all'estero puo' diventare snervante: troppo spesso ci si trova

 di fronte a difficolta' burocratiche che appaiono insormontabili.

 Il Comune ti dice una cosa, il Consolato albanese un'altra. Quello italiano un'altra ancora... e tu non sai piu' a

 chi credere e cosa fare. E intanto sprechi tempo e soldi inutilmente.

 

 In questa pagina troverai tutte le informazioni necessarie per procedere senza intoppi in questo percorso.

 Se dopo aver letto le "istruzioni per l'uso" dovessi ancora avere dei dubbi, puoi scriverci all'indirizzo e-mail

 info@iessegi.net. Ti risponderanno i nostri esperti nel giro di poche ore.

 

 

 

 PREMESSA

 

 Le informazioni che seguono riguardano matrimoni civili da celebrarsi presso i comuni albanesi. Uno dei due

 nubendi deve necessariamente essere di cittadinanza albanese. I futuri sposi devono naturalmente essere

 liberi da precedenti vincoli matrimoniali, sia in Italia che in Albania e devono essere maggiorenni e capaci.

 

 COSA DEVE FARE L'ITALIANA/O PER LE AUTORITA' ALBANESI

 

 1. Chiedere al comune italiano di residenza il rilascio di un certificato cumulativo per uso matrimonio (si

     tratta di un certificato che include residenza, cittadinanza e stato civile) ed un certificato di nascita.

     Il Italia il certificato di nascita non sarebbe necessario, ma in Albania lo chiedono sempre!

 2. Portare i due certificati in Prefettura per far apporre il timbro "apostille";

 3. Far tradurre i due certificati in lingua albanese;

 4. Far pervenire i certificati, apostillati e tradotti, al Comune albanese dove avverra' il matrimonio e seguire

    le loro istruzioni.

 

 

 COSA DEVE FARE L'ALBANESE PER LE AUTORITA' ITALIANE

 

 1. Farsi rilasciare dal suo comune di residenza un certificato di nascita ed uno di capacita' matrimoniale.

 2. Farli timbrare dalla Prefettura ed inviarli quindi da un Ufficio postale centrale al Ministero degli Esteri

    albanese a Tirana per far apporre il timbro "apostille".

 3. Dopo i timbri, i documenti dovranno essere tradotti da un tradutore giurato (attenzione: dovete rivolgervi

    ad un traduttore giurato riconosciuto dall'Ambasciata d'Italia e non ad un notaio!) e portati al Consolato

    d'Italia per la legalizzazione della firma del traduttore. Se il certificato di nascita e' in formato multilingue,

    non e' necessaria la traduzione.       

 

 PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO IN ITALIA

 

 Per sposarsi in Albania e' necessario fare le pubblicazioni in Italia. Non date retta a chi vi dice che non servono

 piu'. Il Consolato d'Italia non rilascia il nulla osta al matrimonio se non sono state fatte le pubblicazioni in

 Italia. Quindi presentatevi al Comune in Italia (Ufficio di Stato Civile) e chiedete le pubblicazioni. La parte

 albanese dovra' presentare la documentazione descritta al paragrafo precedente. La parte italiana dovra'

 soltanto presentare una copia del certificato cumulativo in italiano e senza apostille. 

 Alla scadenza delle pubblicazioni (in genere 8 giorni), fatevi rilasciare dal Comune italiano un certificato di

 avvenute pubblicazioni.

 

 NULLA OSTA AL MATRIMONIO

 

 Con il certificato di avvenute pubblicazioni e, ove necessario previo appuntamento, recatevi presso il Consolato

 d'Italia e richiedete il nulla osta al matrimonio, che viene rilasciato, di norma, a vista. Con questo nulla osta,

 (redatto in lingua albanese), potete finalmente recarvi al Comune albanese e sposarvi!

  

 E SE IL RAGAZZO O LA RAGAZZA ALBANESE HANNO L'ESPULSIONE?

 

 Gia', in questo caso non puo' andare in Italia a chiedere le pubblicazioni e deve quindi fare una procura a

 qualcuno.

 

 Per maggiori informazioni su questo punto, scrivi una e-mail a info@iessegi.net.